Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Vendita biglietti Hellas Verona-Milan, una gestione a dir poco imbarazzante

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di un genitore presente ieri sera allo stadio Bentegodi con suo figlio.

Gentili amici di Hellas Live,
mi chiamo Marco e sono abbonato da sempre. Da quest’anno avendo un bimbo di 7 anni tesserato per il Verona ho intrapreso la bella avventura di “iniziare” il mio bambino al nostro amato Bentegodi. Il settore scelto ovviamente è quello riservato alle famiglie ovvero la “tribuna family” curva est. Non ci siamo persi una partita di questa annata ricca di soddisfazioni e la partita per me ed il mio “bocia” è diventato un bel momento di aggregazione. Ignaro di quanto sarebbe potuto accadere ho pensato, come altri genitori con figli del resto, di acquistare il biglietto in quel settore. Fin da subito mi sorprendo di come il settore vada man mano riempiendosi di ultras milanisti dai modi di certo non compatibili con dei bambini. Dopo ripetuti epiteti gridati a pochi centimetri dai nostri figli tra i quali, pezzi di m…. o figli di … io ed un altro papà ci alziamo per andare a chiedere spiegazioni a qualche steward. Apriamo una parentesi sugli steward, ragazzini totalmente ignari di come svolgere il loro ruolo perlopiù da città distanti dalla nostra e quindi non consapevoli del contesto nel quale si trovassero. Dopo che altre persone oltre a noi muovono queste perplessità e preoccupazioni, decidono di spostare i veronesi nel settore di poltronissime sotto la curva. Ammassati e senza posti a sedere per tutti. Senza contare che bar e bagni sono al piano superiore e perciò in mezzo ai milanisti. Passi per il bar che vabbè uno può anche resistere nel bere una birra strassa a prezzi folli ma per il bagno invece è più complicata. Ho visto un bimbo piangere impaurito.

Osservatorio e forze dell’ordine inqualificabili, la polizia da noi si è presentata al 15º del secondo tempo nella misura di tre unità una della quale l’unica cosa che ha proferito è stata “beh però forte sto Tameze”.

Ma io mi chiedo la società davvero non poteva fare nulla in merito? O forse la tribuna Family per magia si era trasformata in tribuna Money? Perché abbonati del Verona si sono dovuti spostare? Non potevano mettere i tifosi in un’area delimitata? In parterre? O dove volessero anche in panchina per quel che mi riguarda. Modello inglese? Tolleranza zero? Riportiamo la gente allo stadio?

Basta chiacchiere e soprattutto più rispetto per noi tifosi del Verona che siamo etichettati tutti come delle bestie ma in realtà subiamo sempre dei trattamenti discutibili, questa volta purtroppo anche dalla nostra società. Camminando tornando alla macchina al mio bambino ho detto “Ma si cosa ci frega a noi che siamo i più forti comunque con i colori più belli del mondo” mi ha risposto “È vero papà il giallo del sole ed il blu del cielo”.

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.